Occhiali Ray Ban Da Sole Uomo

Dopo gli esordì a Broadway, grazie al suo straordinario aspetto fisico, alla sua voce fascinosa, al suo grande vigore e alla sua splendida presenza scenica, Barrymore divenne in breve tempo il maggiore idolo delle platee dell’epoca, incarnando sullo schermo il romantico seduttore dall’oscuro passato e dall’incerto futuro. Profilo perfetto (fu soprannominato “Il Grande Profilo”) e un’ombra di malinconia negli occhi, costituì un modello per tanti altri attori che aspiravano ai vertici di Hollywood. Teatrale, eccessivo, melodrammatico nella vita e sullo schermo, seppe passare dal muto al sonoro scivolando, da dongiovanni impenitente e da alcolista cronico, da un amore all’altro.

Nobuyuki è un adolescente che vive a Mihama, un’isola al largo della costa di Tokyo. Il suo amico Tasuku, che lo adora come se fosse un fratello, è vittima dei continui abusi da parte del padre. L’unica compagna di classe di Nobuyuki è la bella Mika.

Dj e Vj di MTV prestato sporadicamente al cinema e al piccolo schermo, è un vero e proprio appassionato di musica fin dall’adolescenza, passata ad ascoltare i dischi dei Dire Straits, di Franco Battiato e di John Lennon di proprietà della madre. il 1994 ed Enrico Silvestrin diventa uno dei più famosi vj dell’emittente britannica. Dagli studi di Camden Town di Londra presenta programmi come “The morning mix”, “The afternoon mix”, “Hanging out”, “Dial MTV”, “Mtv Video Music Awards”, passando poi nel 1997, con la nascita di Mtv Italia a “Hit List Italia” e “Sonic” che conduce per due stagioni.

Poi arriva il suo secondo Oscar (ma questa volta come miglior attrice non protagonista) grazie al film California Suite (1979) di Herbert Ross, con Jane Fonda, Michael Caine e Walter Matthau. In coppia con Caine, Maggie Smith sbaraglia letteralmente la concorrenza (Meryl Streep per Il cacciatore) e si porta via Oscar e Golden Globe.La sua carriera continua così, in una continua altalena fra gli Stati Uniti e la sua cara Gran Bretagna: da Quartet (1981) di James Ivory con Isabelle Adjani al mitologico Scontro di Titani (1981) con Laurence Olivier dove interpreta il ruolo della coscienziosa ninfa Teti, dalla padrona dell’albergo sul mare ne Delitto sotto il sole (1982) con James Mason a Profumo di mare (1982) con l’immancabile Niven. Dopo aver vinto un BAFTA per Pranzo reale (1984), nel 1985 è ancora diretta da Ivory in Camera con vista, nel ruolo della rigida e austera chaperon inglese Charlotte Bartlett, ruolo che le ha fruttato oltre a un nuovo BAFTA (vinto anche nel 1987 grazie a La segreta passione di Judith Hearne) e a un Golden Globe, anche una nuova nomination all’Oscar come miglior attrice non protagonista.Nonostante l’età che avanza, la Smith sembra ancora essere capace di graffiare la pellicola e non solo quella, dato che nel 1990, vince il Tony Award come miglior attrice per la piece “Lettice and Lovage” (premio per il quale era stata nominata anche nel 1975 per “Private Lives” e nel 1980 per “Night and Day”).

Taggato con:

Lascia un commento