Ray Ban Occhiali Uomo

Qualcuno non ha dimenticato una sua versione in cartone animato ne Il gigante di ferro e c’è chi ha avuto la fortuna di vederlo prendersi in giro in un film demenziale come Superhero Movie. Per il cinema ha fatto di tutto, anche incarnare la bellezza del male. Quando te lo ritrovi davanti, Christopher McDonald pare fatto di gomma e ti chiedi come faccia questo massiccio uomo, un po’ Jack Nicholson, un po’ Ray Liotta e Charlton Heston, a bucare il grande schermo.

Durante il fine settimana della Befana troveremo qualche titolo nuovo in sala e nella calza. Vediamo se con caramelle o cenere e carbone. Uno è Il ragazzo invisibile Seconda generazione. The Sun (2011)The royal dogs made out like bandits. The Sun (2013)Questions about a lack of speed that have dogged his career were answered in that instant. Times, Sunday Times (2016)So he asked a friend who made biscuits for dogs how to go about it.

Ma è nel 1988, dopo aver diretto Good Morning, Vietnam (1987), che tocca il cielo con un dito, firmando la regia di un progetto ambizioso dal titolo Rain Man L’uomo della pioggia (1988) con un Dustin Hoffman autistico. La pellicola vince l’Oscar per il miglior film e Levinson quello per il miglior regista, accaparrandosi persino l’Orso d’Oro a Berlino e il David di Donatello per il miglior film straniero. Compiaciuto, non si ferma un attimo, firma Avalon nel 1990 (altra candidatura all’Oscar per la migliore sceneggiatura) e nel 1991 dirige Warren Beatty e Harvey Keitel nel gangsterstico Bugsy, ottenendo un’altra accoppiata di nominations dalla giuria dell’Academy per film e regia.Ma Levinson è anche produttore ed è il primo che crede in Steven Soderbergh quando finanzia Delitti e segreti (1991).

Non ci pensa due volte, capisce che quella è la sua strada, così si iscrive alla UMass Amherst e poi successivamente alla Columbia University di New York City, trovando incredibili soddisfazioni scolastiche. Dopo un master in scrittura creativa, si dedica seriamente alla carriera di scrittore a tempo pieno, pagandosi da vivere come sceneggiatore.Dopo aver firmato qualche episodio del telefilm Seinfeld (1992), scrive e dirige assieme al fratello Bobby il film comico demenziale con Jim Carrey e Jeff Daniels Scemo + scemo (1994) che sarà un vero successo al botteghino. Successo che sarà seguito da un altro grande buon risultato: il suo matrimonio con l’attrice Melinda Kocsis la notte di capodanno del 1996.Il grande successo con MaryMa il cult per il quale i fratelli Farrelly verranno ricordati per sempre è la spassosa commedia Tutti pazzi per Mary (1998) con una esilarante Cameron Diaz (che rivorranno nell’inedito film tv Why Bitt? del 2004), un sorprendente Matt Dillon per la prima volta alle prese con un ruolo di tale comicità e un Ben Stiller nevrotico.

Taggato con:

Lascia un commento