Ray Ban Specchio Prezzo

Neppure il tempo di festeggiare i conti da record del primo trimestre, di salutare la luce in fondo a un tunnel che sembrava infinito, tra scandali, fallimenti, polemiche assortite e perdite in bilancio. Per le banche tira di nuovo una brutta aria. Il temporale è tutto politico, almeno in apparenza.

Dopo essersi diplomato, nel 1990, al Laboratorio di Esercitazioni Sceniche di Roma diretto da Gigi Proietti, trova la sua dimensione come attore comico e cabarettista. Con lo stesso Proietti, infatti, parteciperà a diversi spettacoli come “A me gli occhi bis” (1994), “Per amore e per diletto” (1995) e “Mezzafigure” (1996 1997).Il suo film di debutto è Le mele marce (1991), poi lo si ritroverà soprattutto nel contenitore televisivo, all’interno del quale reciterà in film tv come Per amore o per amicizia (1993) o telefilm come Il Maresciallo Rocca (1996).Il successo con Giacinto nel Medico in famigliaNel 1997, torna al cabaret nella trasmissione di Rai Due “Macao” (1997), ma il vero successo lo incontra nel telefilm di Rai Uno Un medico in famiglia (1998), dove interpreta il ruolo di Giacinto, disoccupato fidanzato con la colf Cettina. La serie tv gli offre una maggiore visibilità e soprattutto un riconoscimento dalla parte del pubblico che lo segue anche a teatro con estremo interesse.

L’anno successivo lo troviamo nell’horror di Scott Stewart Priest, nel film sul tracollo finanziario del 2008 Margin Call, oltre che nel blockbuster supereroistico The Avengers.Vita privataDopo una breve relazione con la collega Laura Fraser, l’attore sposa la splendida Jennifer Connelly, incontrata sul set di A Beautiful Mind, che le valse il premio Oscar come Migliore Attrice non Protagonista.Adora il formaggio, i broccoli, nonché il whisky. Il film che preferisce è Breve incontro di David Lean.Un legionario al servizio dell’Opus Dei in Il codice Da Vinci, un legionario del paradiso in rotta con lo stesso Dio in Legion e tra poco protagonista di Priest (con probabile andamento legionario), Paul Bettany è già al terzo ruolo religioso d’azione ma, giura, è solo un caso. Intervistato in occasione dell’uscita del film di Scott Stewart l’attore britannico dal volto torvo, esploso in ben altre vesti accanto a Russel Crowe in Master e Commander, si separa dai suoi più classici ruoli di antagonista ma per gradi.

Oltre alla storia del famoso elefante dalle orecchie grandi, si attendono anche Mulan e Aladdin nel progetto di remake in live action dei più importanti film di Walt Disney.Secondo la sinossi appena annunciata, Dumbo torna a raccontare la storia di Holt (Colin Farrell), un tempo artista del circo che, dopo aver combattuto in guerra, torna a casa profondamente cambiato. Il proprietario del circo, Max Medici (Danny DeVito) lo ingaggia per prendersi cura di Dumbo, un cucciolo di elefante con due orecchie enormi che lo rendono lo zimbello dello staff del circo. Vandevere(Michael Keaton) e l’acrobata Colette Marchant (Eva Green) faranno dell’elefantino indifeso una star.Se Michael Keaton, dunque, torna per la terza volta a lavorare con il regista di Beetlejuice Spiritello porcello, Batman e Batman Il ritorno, Colin Farrell si troverà per la prima volta sul set di Tim Burton nel ruolo del protagonista vinto per un soffio.

Taggato con:

Lascia un commento